Intervistato da Dario Tiengo, Direttore di Tribuna Politica, su pregi e difetti della #globalization. Per chi non si accontenta delle apparenze… Parte prima

by • 8 aprile 2017 • Confassociazioni, Highlights Eventi, In EvidenzaComments (0)293

 

images notte

Globalizzazione, un termine entrato nel linguaggio comune ma che, spesso, non è corredato da conoscenza adeguata. Si sente dire frequentemente, anche da politici, che dobbiamo affrontare la globalizzazione “nel bene e nel male”. Esiste e, quindi, non le si può sfuggire. Per non rimanere nei luoghi comuni servono chiarimenti, non crede?

Certo. Primo chiarimento. La globalizzazione non è una caratteristica di questo tempo. Esiste da quando esiste l’uomo e comporta sempre comportano una serie di conseguenze, positive e negative. Non dobbiamo dimenticare che la prima vera globalizzazione è quella in cui l’Homo Sapiens si è spostato dall’Africa e ha invaso e rivoluzionato il mondo dell’epoca, marginalizzando e facendo sparire l’Uomo di Neanderthal. Questo per dire che troviamo esempi di globalizzazione anche nella storia non recente. È una fase di globalizzazione l’espansione dell’Impero romano, così come la diffusione delle ferrovie negli Stati Uniti e in Europa nella seconda metà dell’Ottocento.

Insomma, abbiamo sempre cercato di espanderci e abbracciare il mondo?

L’uomo da sempre opera attraverso stadi progressivi di globalizzazione. Oggi c’è qualcosa di più, perché… continua a leggere:

http://www.tribunapoliticaweb.it/il-punto/esclusiva-deiana-entrare-nella-globalizzazione-per-capire-il-nuovo-mondo-cose-come-ci-cambia-e-cambiera-la-vita-52622.html

Pin It

Related Posts

Comments are closed.