futuro

La solitudine dei numeri primi

by • 20 settembre 2014 • FormicheComments (0)492

Riprendendo un titolo di successo, potremmo chiamarla la solitudine dei numeri primi. Uno, due, tre, cinque, sette, e via così all’infinito? No, non quei numeri primi, ma quelli che quotidianamente cantano gli aedi della crisi. I numeri primi della disoccupazione giovanile, delle imprese che falliscono, delle sofferenze delle banche, delle tasse che aumentano. Questi numeri primi.

Tutti numeri seri ed importanti che descrivono in modo tristemente sintetico lo scenario attuale ma non rendono per fortuna conto degli scenari futuri. Forse è proprio questo lo sforzo che dobbiamo fare per uscire veramente dalla crisi. Lo sforzo psicologico di guardare oltre, la necessità di cogliere le trasformazioni in atto e di affrontare per tempo le conseguenze dei profondi mutamenti strutturali che, in realtà, stanno già caratterizzando il quadro economico e sociale. Conseguenze in apparenza ancora lontane, ma che iniziano ad assumere risvolti da affrontare subito anche perché progettare il futuro per la nostra classe dirigente implica un doppio salto mortale.

Il primo è quello di pensare a lungo termine, quando i risultati non saranno necessariamente goduti da chi ha intrapreso azioni di sviluppo di nuova élite intellettuale e politica; il secondo è quello di accettare di lavorare per la propria stessa potenziale sostituzione, valorizzando l’interesse generale contro il proprio interesse particolare (personale, di ceto, di partito, di coalizione, di categoria, di cordata aziendale, eccetera).

Difficile anche solo da pensare se guardiamo alla storia italiana degli ultimi decenni. D’altra parte, gli anni della crisi sono stati anni complessi a tutti i livelli. Un periodo in cui il nostro Paese ha sviluppato un’ulteriore tendenza all’individualismo, sfuggendo alle dimensioni di riaggregazione collettiva per sviluppare invece una forte dimensione di risoluzione individuale dei problemi e delle “paure” micro di ognuno di noi. Questa tendenza si è andata accentuando, non solo per l’enfasi che i mezzi di comunicazione hanno messo su queste paure, quanto sulla tipologia di risposta che la politica e, di conseguenza, le Istituzioni hanno dato.

Alla domanda di maggiore sicurezza in senso lato del Paese, la risposta emergenziale è stata quella di un sistema fatto di copertura puntuale delle paure, di risoluzione dei tanti problemi uno per uno, molte volte accontentando, molte altre scontentando. Una risposta utile certamente a soddisfare una pur importante dimensione micro ma che non “rassoda” la società, non la lega, non contribuisce a fare progetto insieme. Un insieme di solitudini come quelle dei singoli numeri primi…

Una visione di corto respiro. Tocqueville, in “La democrazia in America”, descriveva il sistema di valorizzazione democratica del mercato e dei processi di valutazione degli Stati Uniti e, nel contempo, la sua forte identità generata da un simbolo: l’orgoglio di appartenenza. E invece, se analizziamo il quadro che emerge dal sistema dei media, possiamo constatare come i nostri migliori punti di forza vengano abbandonati giorno dopo giorno, mentre vengono premiati i nostri difetti attraverso la narrazione dei numeri primi della crisi. Ma evitiamo gli equivoci: la colpa è nostra e non dei media i quali non fanno altro che rappresentare magari enfaticamente solo quello che pensiamo di essere e quello che vogliamo leggere e sentire. Come dire: mal comune, mezzo gaudio.

Tutto questo è particolarmente doloroso perché, invece, sono tanti i punti di forza dell’Italia. Possediamo un patrimonio culturale, scientifico e geografico totalmente sottovalutato. Eppure un italiano che parla del proprio Paese è spesso imbarazzato perché l’immagine è quella dell’economia che affonda, della politica immobile e della mancanza di opportunità. Si dimenticano tante cose. Si dimentica che la nostra cucina è imitata in tutto il mondo e che le menti più brillanti mai esistite spesso hanno mangiato pasta fatta nelle nostre case. L’Italia merita di non essere abbandonata a se stessa. Ha ancora in sé molte potenzialità per tornare a splendere. Dimenticando la solitudine della crisi e dei numeri primi.

Ma come fare? Con quali strade, quali percorsi superare il crinale impervio della crisi e dei numeri primi? Al di là delle ricette economiche in senso stretto, insisto sul fatto che è necessario un salto di paradigma culturale. L’unica strada percorribile per il pieno conseguimento di questo obiettivi è quella della meritocrazia e della libertà di competere attraverso la valorizzazione della professionalità, della conoscenza e della concorrenza.

Dobbiamo stare attenti: un Paese che seleziona la propria forza produttiva sulla base delle “conoscenze”, e non della conoscenza intesa come capitale intellettuale concorrenziale, determina il declino progressivo del contributo produttivo che ciascuno è in grado di dare. Se l’accesso dei giovani alle varie attività viene precluso con meccanismi diversi da quelli di una imparziale ed accurata selezione del merito si introducono nella società, come ricordavamo qualche giorno fa su queste pagine, rigidità sociali che ricadono prevalentemente sulle fasce più deboli della stessa società.

Ma il nostro futuro, è bene ripeterlo, dipende dai giovani. Siamo il Paese che ha, nel contempo, la vita media più alta ed il più basso tasso di natalità dell’emisfero occidentale. I giovani sono merce rara e di alto valore più che altrove: li dovremmo tenere in grandissima considerazione. E, considerato che il futuro riguarda tutta la nazione, non esiste migliore terreno per iniziare a compiere uno sforzo di condivisione di obiettivi da parte dell’intera classe dirigente di questo Paese.

Iniziare a pensare oggi al futuro significa avviare un percorso di sviluppo di lungo periodo che consenta ai giovani di crescere, distribuendo i sacrifici nel tempo nell’ambito di un’economia più competitiva che generi maggiore sviluppo e nuovi e migliori posti di lavoro.

In realtà, ciò che è mancato in passato è stato un adeguato sistema di welfare della conoscenza, un piattaforma in grado cioè di consentire ai giovani lavoratori ed ai giovani professionisti un processo che non sia quello non più sostenibile di produzione di certezze (sempre che ci sia mai stato) ma almeno sia sorretto da una piattaforma di riduzione delle incertezze.

Non più il posto fisso, ovvero un traguardo non coerente con i processi di sviluppo del presente e del futuro, ma un diverso orizzonte di continuità professionale che veda la possibilità di alternare diverse modalità di lavoro (dipendente, professionale, imprenditoriale, autonomo) legandole con momenti di formazione continua. Tutto ciò per offrire ai giovani l’opportunità di maturare competenze diverse che gli consentano di superare i periodi di transizione da un lavoro ad un altro con la serenità di chi possiede un capitale proprio che potrà essere valorizzato nel tempo. Veri e propri capitalisti intellettuali.

Una sfida difficile per i giovani stessi e soprattutto per la classe dirigente che la deve implementare senza la certezza di vederne gli effetti. Ma, come diceva Platone, ciò che è bello è più difficile e, dunque, non dobbiamo dimenticare che il vero motore della vita di ognuno di noi, ma soprattutto di chi ha davanti a sé un’esistenza intera da portare avanti, sono gli ideali e la fiducia che può essere riposta in essi. È vero, ci sono ostacoli strutturali da superare. Ma la fiducia e la motivazione riposte nel raggiungimento di un obiettivo alto possono consentire di fare grandi passi in avanti. Al di là della crisi e della solitudine dei numeri primi che la descrivono.

Pin It

Related Posts

Comments are closed.